Pubblicato da il 28 apr 2015 in A colloquio con la redazione | 11 commenti

Assistenza e Garanzia Fuji

Assistenza e Garanzia Fuji

Buongiorno vorrei esporvi il comportamento tenuto da Fuji italia nei confronti di un obiettivo di regolare importazione fuji italia da me comperato usato. Ho acquistato il 29 dicembre 2014 presso un negozio di usato molto famoso in Bologna  un kit di pochi mesi e praticamente nuovo fuji xm1+ 16-50 di importazione fuji italia. Oltre allo scontrino di vendita del 29 dicembre dentro al kit c’era lo scontrino di vendita originario del maggio 2014 per la cifra di 249 euro e ci siamo accertati contattando il negozio della prima vendita che tale cifra era tale in quanto aveva ricevuto un reso e scontrinato la differenza. Ho usato la macchina alcune volte  ed ho riscontato che la fascia destra dell’immagine è meno nitida della sinistra. Contattata fuji italia mi sono sentito rispondere che loro se ne lavano le mani e me la devo vedere  con l’ultimo negoziante. Fuji non si prende in carico la riparazione in garanzia in quanto  il primo scontrino di vendita è uno scontrino “muto” non riporta la dicitura fuji xm1 ed è  anche di una cifra inferiore al valore di vendita del kit al maggio 2014 . Questo pur ammettendo dalla matricola che il kit è uscito dai loro magazzini il dicembre 2013. Ora magari in punta di diritto forse potrebbero avere anche ragione però mi chiedo se sia opportuno o furbo che l’assistenza di una casa tratti così un cliente appena acquisito e che come ho fatto presente avrebbe anche intenzione di cambiare sistema fotografico. Cosa che certo se questo è il supporto che viene dato non farò e resterò con il sistema che da 30 anni utilizzo la cui assistensa ha sepre preso in carico il materiale usato che avevo comperato se era nei termini temporali di garanzia senza qeustioni di scontrini muti o di cifre non congrue ecc.. Ritenete che l’assistenza Fuji abbia agito in modo pienamente corretto nel mio caso e non sia il caso di insistere ancora?

 

11 Commenti

  1. Perfettamente coerente… anche nei miei confronti fuji ha rifiutato la riparazione in garanzia di un prodotto acquistato in un negozio di Roma sostenendo che non è provvisto di garanzia italiana basandosi sulla matricola. Il rivenditore non lo posso contattare perché ha cessato attività e quindi non ho più garanzia… dopo soli due mesi su una macchina di 1700 euro… meglio lasciare perdere fujifilm …pessima e chi ha mandato in garanzia comunque ha avuto problemi

  2. Stefano, se il prodotto è stato consegnato nel dicembre 2013, la garanzia convenzionale Fujifilm è scaduta nel dicembre 2014. Non per difendere Fujifilm, però questo è quanto… lei ha comunque diritto a non meno di un anno di garanzia legale da parte del negoziante, due se non esplicitamente specificata la riduzione a uno.

    Sinceramente non vedo il problema, si rivolga al negoziante e avrà il suo prodotto riparato. C’è un motivo particolare per il quale vuole rivolgersi direttamente a Fujifilm?

    • Forse Andrea non sono stato chiaro nelle mie mail magari prolisse. il PRODOTTO fuji mi ha detto che è USCITO dai loro magazzini nel dicembre 2013 ma no sa quando è stato venduto al primo acquirente. Io ho uno scontrino del maggio 2014 ma fuji dice che è di un valore troppo basso per essere quello della fuji XM1 kit. La garanzia convenzionale decorre dalla vendita non certo dall’uscita dal magazzino quindi il dicembre 2013 non è da prendere in considerazione per la decorrenza dell’anno. Cmq il tema purtroppo è chiuso per me, ho scritto a Fuji in aprile entro l’anno del mio scontrino loro hanno detto lo scontronio per loro non valeva come prova d’acuisto. Quello che mi ha fatto deluso ed è la prima volta che mi è capitato che pur avendo un prodotto di regolare importazione con uno scontrino di un rivenditore fuji di meno di 12 mesi la casa madre mi ha chiuso la porta in faccia. Perchè non mi rivolgo al venditore da cui l’ho comperata?
      Semplice è un rivenditore esclusivametne di materiale usato molto noto in città da cui ho comperato molte cose in tatni anni con soddisfazione che fa anche provare gli oggetti prima di venderli. Al momento dell’acquisto rilascia una propria garanzia di 90 giorni che è legale e corretta sull’usato (non ci sono oblighi di legge sul materiale usato). Io ho superato quei 90 giorni quando mi sono accorto del problema, ma mi ero rivolto a fuji ritenendo di essere grazie allo scontrino del primo acquirente dentro i 12 mesi della garanzia convenzionale. il mio caso forse è un poco complesso e “confuso” ma ho imparato che con fuji è necessario per avere assistenza dalla casa madre non solo uno scontrino ma uno scontrino con un valore che possa essere messo in relazione con il kit (quindi al lordo di eventuali “resi”) oppure uno scontrino “parlante” ossia con scritto sopra cosa è stato comperato (come quelli dei mercatoni per capirsi)
      saluti a tutti.

  3. Carlo, la garanzia legale viene prestata dal venditore e non dal produttore, dunque in linea generale è al primo che l’acquirente deve rivolgersi. Salvo accordi differenti, la garanzia legale su un prodotto usato è comunque di due anni e in ogni caso non può essere inferiore a un anno.
    La garanzia convenzionale è invece quella contenuta nella documentazione allegata al prodotto ed è prestata, appunto, dal produttore secondo quanto ivi dichiarato.

    Detto ciò, ritengo che non sia un problema se Fujifilm si rifiuta di ripararle il prodotto in garanzia, il referente principale e responsabile resta il negoziante.

    • Caro Andrea, sei andato fuori pista. Smetti con i sofismi da Avvocato Difensore d’Ufficio che sballottano i clienti tra garanzia legale, garanzia convenzionale, estensione di garanzia, eccetera.
      E’ consolidata la norma che la garanzia segue il prodotto. Così insegnano Pentax, Nikon, Canon e quelli….dei frigoriferi, degli aspirapolvere, delle lavastoviglie, e delle automobili. E non mandare in tilt i lettori con il fatterello personale e piuttosto confuso di Stefano. Non inquinare le regole del gioco. Insisto: la garanzia segue il prodotto e non l’acquirente.

    • ” pochi mesi fa il vostro blog ha ospitato i commenti di alcuni utenti Fuji su talune discutibili modalità della loro garanzia. Evidentemente c’era del buono in certe proteste, visto che Fuji si è affrettata a correggere il tiro. In data 25 aprile ha comunicato che a decorrere da 1 aprile i termini di garanzia sono stati modificati.
      A meno di interventi censori della Redazione del blog, chi avrà voglia di valutare l’intervento di Fuji potrà farlo digitando:

      http://www.fujifilm.eu/it/notizie/article/news/fujifilm/fujifilm-italia-ridefinisce-la-sua-garanzia-convenzionale

  4. Ringrazio Carlo per le confortanti parole. Anche io avevo sempre saputo che la garanzia “segue” l’oggetto qualora ci sia lo scontrino orignale ed il foglio di garanzia. In 30 anni di fotografia mi è capitato di comperare materiale nikon usato “di pochi mesi” e un paio di volte mandarlo in nital con lo scontrino o la nital card e mai avuto problemi. Fuji ha deciso nei miei confronti diversamente, appellandosi un punta di forchetta a quanto scritto sul suo sito ossia che la garanzia legale vale due anni ma la fornisce il solo negoziante (ovviamente del nuovo) metre loro rispondono per la garanzia convenzionale del produttore che puoi fare valere per un solo anno in due casi: non hai comperato un prodotto fujiitalia oppure hai comperato fujitalia sei entro il primo anno e non vuoi passare dal negoziante. Il problema qui è lo scontrino cui si sono appellati dicendo che non è “compatibile” con kit xm1+ obiettivo. Ergo riconoscono che il kit è fuji italia è uscito dal lor magazzino a dicembre 2013 ma dato che il mio scontrino “originale” secondo loro non è una prova d’acquisto sono fra oltre l’anno ed inferiore a due quindi non mi posso rivolgere a loro ma solo al negoziante, cosa che mi risulta scomoda perhcè il negoziante della rpima vendita è piuttosto distante. Io sono abituato del resto a non farmi troppo il sangue guasto, l’obeittivo ha un difetto percepibile a me che sono piuttosto pignolo, lo noto a forte ingrandimento, è un obiettivo in plastica di basso costo quindi ….. visto che non mi sono sentito trattato molto bene ed in fondo non è la mia macchian primaria ma diciamo la compatta di lusso mi sa che presto la rivendo o la regalo e resterò solo con NIkon. Ho idea che presto una mirrorless APS-C NIkon uscirà, l’esercizio della coolpix A forse serviva a sondare il mercato e le mirrorless con il sensore da 1″ non mi pare stiano dando molta soddisfazione.

  5. Cari colleghi fotoamatori, Andrea ha voluto forse dare una mano a Fuji.
    Non ha precisato che le garanzie di Nikon, Canon, Pentax, ecc. seguono “l’apparecchio” acquistato e non fanno alcun riferimento al primo acquirente od a quelli che ne siano venuti poi in possesso regolarmente come prodotto usato, o come concesso in dono ad un nipote o alla fidanzata. E così è anche in tutta Europa.
    Fuji farà bene a rivedere le sue strategie che traggono in inganno gli acquirenti dei suoi prodotti, così come è per il bonus CashBack per concedere il quale Fuji richiede lo sconrino originale. Lo scontrino originale è un documento fiscale personale che è illegale richiedere. E che spesso va prodotto in visione quando si richiede un intervento in garanzia. Non usano lo stesso espediente le altre marche primarie che richiedono soltanto una fotocopia dell’originale.
    Non capisco, infine, come un produttore importante come Fuji ricorra a questi discutibili e sovente illegali rapporti coi propri Clienti.
    La garanzia, da che mondo è mondo, segue il prodotto. E ciò con buona pace di Fuji Italia.

  6. Ci può dire il nome del negozio?
    la redazione

  7. Gentile lettore,
    generalmente la garanzia si intende valida per il primo acquirente, lei ha acquistato a tutti gli effetti un prodotto usato per il quale è il negoziante a doverle fornire assistenza per non meno di un anno.
    Detto ciò, la sua reazione è più che comprensibile e forse proprio attraverso il negoziante potrebbe insistere affinché le venga riconosciuta tutta la garanzia residua del corpo. In ogni caso il suo referente resta il negoziante, sarà lui a doversi interfacciare con l’assistenza Fujifilm.
    Per quanto riguarda la perplessità nel cambiare corredo, lascio a lei ogni considerazione.

  8. Ho letto sul blog i commenti relativi ai servizi di Fuji Italia. Nei miei contatti con Fuji che malauguratamente ho dovuto sopportare, io ho incontrato sempre problemi e problemi, di comunicazione coi diversi servizi richiesti al call center, di servizio, di assistenza.
    Ad esempio, non riuscendo a collegarmi per il firmware, mi pare, preannunziato per una certa data di dicembre o novembre scorsi, non ricordo, abbiamo scoperto che a quella data sul web non c’era niente di relativo all’aggiornamento. E così per moltissimi giorni dopo. Al telefono Fuji continuava a indicare la data già nota, pur avendo noi riferito che non si trovava niente. Chi rispondeva al telefono cadeva dalle nuvole e non sapeva niente di questo ritardo. Il massimo dell’efficienza.
    Mi spiace avere abbandonato la mia marca di sempre, dalla quale e con la quale ho sempre avuto risposte sollecite e chiare.
    Sarà bene che Fuji si adegui agli standard di servizio delle altre e più diffuse Marche. Il mio malcontento non è solo mio. E’ anche quello di altri acquirenti Fuji che appena possibile ritorneranno ai loro marchi di fiducia.
    Fuji si informi dal distributore francese della marca per imparare come ci si comporta con i Clienti se non si vuole stancarli.
    Saluti

Rispondi a carlo Annulla risposta