Pubblicato da il 28 ott 2017 in Paolo Namias | 4 commenti

Contest Autoritratto: i vincitori

Contest Autoritratto: i vincitori

Gli smatphone sono sempre più usati per fotografare, basta osservare quanto le campagne pubblicitarie puntino sulle prestazioni fotografiche, e come i selfie, ovvero i ritratti delle persone care, siano tra gli scatti più amati. In fondo accadeva lo stesso ai tempi delle compatte analogiche, quindi non è cambiato nulla.
Ma come allora, una cosa è lo scatto casuale, un’altra il ritratto cercato per interpretare una persona, uno stato d’animo. Abbiamo quindi proposto questo tema come spunto per realizzare una serie di immagini cercate, meditate.
La giuria ha assegnato il primo premio a Donatella Altea, un portfolio introspettivo e perfettamente realizzato; potrebbe essere il mattino di una qualsiasi persona, ma Donatella ha saputo sviluppare un racconto estremamente naturale e intimo.
Molto più aggressive le immagini di Barbara Marinangeli, come composizione e come colori; a differenza dalle quelle di Donatella, Barbara tende a comunicare verso l’esterno, più che guardare dentro di sé. Senza dubbio un’ottima prova.
In un certo senso più “classico” è lo stile di Filippo Serra, che richiama l’approccio del selfie, ma costruisce una storia evitando gli scatti casuali. Efficace l’idea Ylenia Farci di creare un autoritratto riprendendo le mani; non serve il volto per comunicare delle sensazioni. Maurizio Tieghi ha associato la contrapposizione positivo-negativo al carattere di una persona; l’immagine è inquietante, ma forte.
Divertente la serie di Lorenzo Bigagli; in fondo nasce dalla stessa idea di Donatella Altea, ma realizzata in modo scanzonato; di certo Lorenzo affronta la giornata in modo positivo. Anche Daniele Collia si ritrae nel suo ambiente e lo fa andando alla ricerca di punti di ripresa e prospettive davvero particolari; sono immagini che non possono non colpire per lo spiazzamento che producono nell’osservatore.
E sempre in tema di immagini che non possono non attirare l’attenzione, Silvano Fontanesi si è “moltiplicato” con il gioco degli specchi; può sembrare una foto casuale, ma è tutto fuorchè casuale, si guardi al controllo di tutti i dettagli della composizione. La giuria ha premiato anche David Bulli e Roberto Copeta che offrono la propria personale interpretazione di uno stato d’animo.

Altea Donatella

Altea Donatella

Donatella Altea

Donatella Altea

Donatella Altea

Donatella Altea

Donatella Altea

Donatella Altea

Barbara Marinangeli

Barbara Marinangeli

Barbara Marinangeli

Barbara Marinangeli

 

Ylenia Farci

Ylenia Farci

Filippo Serra

Filippo Serra

Daniele Collia

Daniele Collia

Roberto Copeta

Roberto Copeta

Silvano Fontanesi

Silvano Fontanesi

Maurizio Tieghi

Maurizio Tieghi

Lorenzo Bigagli

Lorenzo Bigagli

David Bulli

David Bulli

 

 

4 Commenti

  1. Ormai da troppo tempo diserto i concorsi, mi accorgo che la fotografia si è evoluta. Non sono completamente in sintonia con i parere della giuria, comunque devo riconoscere più che buono il livello degli scatti.

    • Dobbiamo noi ringraziare Te per averci fatto partecipi della Tua grande sensibilità fotografica !!

Rispondi