Pubblicato da il 27 mag 2018 in Paolo Namias | 1 commento

EISA Maestro 2018: Nature. I vincitori

EISA Maestro 2018: Nature. I vincitori

Tema molto ampio La Natura, lascia spazio a mille interpretazioni ed infatti le immagini ricevute spaziano dal paesaggio alla macrofotografia, dagli animali alle serie creative. Molte sono belle, ma purtroppo non danno vita ad un portfolio, ed è questo il tipo di lavoro che dobbiamo proporre alla giuria europea.
Il vincitore della selezione italiana è Mario Cucchi che ha saputo proporre una interpretazione del tema originale e ben realizzata. Sono immagini ricche di fascino, che ci portano in un mondo fantastico.

 

Mario Cucchi

Mario Cucchi

Affascinante anche la serie di Benedetta Pasquinelli: un’idea semplice: un fiore bianco, la luce e mille sfumature. Valerio Tarone ha proposto una serie di immagini apparentemente slegate tra loro, ma legate da un filo conduttore, l’emozione.

Benedetta Pasquinelli

Benedetta Pasquinelli

Valerio Tarone

Valerio Tarone

Passando agli animali Marco Dall’Aglio ha realizzato una bella sequenza di un uccello in volo con 300mm e 1/2000s; sembra la posa plastica di un ballerino.
Più tradizionali le immagini di Carlo Balestreri, che però ha saputo rappresentare in modo davvero originale un rapace, un insieme di mosso e immobilità non può non colpire.
Con Azelio Magini entriamo nel mondo della macrofotografia, realizzata con sapienza: scelta della focale, dei piani di fuoco, uso del flash.

Marco Dall'Aglio

Marco Dall’Aglio

Carlo Balestreri

Carlo Balestreri

Azelio Magini

Azelio Magini

La massima espressione della natura è il paesaggio; molte le foto esaminate, ma dovendo fare una scelta abbiamo selezionato tre interpretazioni diverse di un paesaggio nebbioso giocato con il controluce: Riccardo Moretti ha puntato sul bianconero, Fabrizio Picchiotti sul contrasto tra colore saturo e tonalità fredde, Michele Annunziata su atmosfere aliene.

Riccardo Moretti

Riccardo Moretti

15- Picchiotti_Fabrizio_32404

Fabrizio Picchiotti

Michele Annunziata

Michele Annunziata

Una serie completamente diversa è quella proposta da Giampietro Donzelli, il racconto della nascita di una pecora; l’abbiamo scelta perché anche questo fa parte del mondo naturale. Si vede il pastore in mezzo al suo gregge, mentre aiuta la partoriente ed alla fine caricare a dorso d’asino i piccoli. Una storia semplice, dolce, in cui Giampietro Donzelli ha saputo scegliere gli scatti giusti.

Giampietro Donzelli

Giampietro Donzelli

1 Commento

  1. Avrei scommesso su Marco Tarantino….