Pubblicato da il 19 dic 2018 in Enzo Dal Verme | 1 commento

Aggiornamento: fatti pagare da chi ha rubato le tue foto online

Aggiornamento: fatti pagare da chi ha rubato le tue foto online

 

Chi ha letto il mio libro Marketing Per Fotografi sa che c’è un intero capitolo dedicato a come difendersi dai furti di foto in rete.
Oggi voglio pubblicare qui un aggiornamento importante.

Nel libro ho segnalato diversi contatti di studi legali specializzati nel fare pagare ai ladri di foto le immagini che sono state utilizzate senza autorizzazione del fotografo. Ho anche aggiunto dei commenti relativi ad ogni studio. In genere si tratta di network di vari studi nel mondo. In questo modo, se ci rubano una foto ed è pubblicata su un sito in Francia, è lo studio francese che si occupa del caso, negli Stati Uniti lo studio americano e così via.
Quando ho scritto il libro, uno degli studi  segnalati – Liebowitz Law Firm - si occupava solo di casi negli Stati Uniti. Ora, però, si sono ampliati e intervengono anche in Europa. Da poco ho affidato a loro la difesa del mio archivio. Vi spiego perché.

In realtà, io avevo fatto un contratto con un altro studio che si è occupato di diverse mie foto rubate ed ha anche ottenuto dei risarcimenti. Ma non sono stato del tutto soddisfatto perché in alcuni casi hanno stabilito che non valeva la pena andare avanti e deciso di abbandonare l’azione legale. Non è quello che io mi aspetto da uno studio legale.
Per questi casi abbandonati, ho chiesto consiglio a Richard Liebowitz che li ha valutati ed ha deciso di occuparsene. Chi non conosce la sua fama, può farsi un’idea da questo articolo: Perché tutti gli editori temono Richard Liebowitz. Ecco, dobbiamo aggiungere altro? Per i casi delle mie foto rubate che l’altro studio aveva abbandonato ha ottenuto dei risarcimenti niente male. E dal momento che mi sono trovato bene, ho deciso di affidarmi all suo studio anche per altre mie foto utilizzate senza il mio permesso.
Oltretutto, il contratto offerto è interessante: non chiedono di essere pagati quando prendono in carico un caso, anticipano tutte le spese e, se vincono, trattengono le spese più il 50% del compenso ottenuto. In caso di perdita, non chiedono nulla al fotografo. Per noi è senza dubbio un vantaggio non dovere sborsare delle spese legali in anticipo, specialmente se le foto rubate sono tante.
Attenzione però, per essere assistiti da loro è importante essere in grado di spiegarsi molto bene in inglese anche con un po’ di termini legali.

ladri di foto

1 Commento

  1. il problema soprattutto e’ scoprire la foto rubata, se capita qui in italia tutto e’ molto semplice, basta allegare copia del sito o pubblicazione ove la foto e’ utilizzata senza consenso dell’autore in violazione della legge sui diritti d’autore. ho esperito per mio conto diverse azioni che non hanno avuto problemi. mi chiedo come sapere se una foto e’ stata utilizzata, pare esistano programmini, ma dubito su loro efficienza. un consiglio dubitate sempre di avvocati che agiscono gratuitamente senza spese e delle cd class action, poi arrivano sempre sorprese. saluti marcello tumminello di professione avvocato, fotografo per passione. p.s. la difficolta’ sta’ nella competenza funzionale del tribunale dell’impresa che rende l’azione legale meno sbrigativa e scoraggia la parte lesa a disposizione avvocati.tmd@gmail.com