Pubblicato da il 5 dic 2018 in Enzo Dal Verme | o commenti

Ghost Book: un nuovo (bellissimo) riferimento per la fotografia d’autore

Ghost Book: un nuovo (bellissimo) riferimento per la fotografia d’autore

 

Non è un libro, non è una rivista. Lo chiamano Ghost Book ed è un nuovo progetto editoriale sulla fotografia d’autore che presenta storie inedite dai contenuti non comuni alternando grandi nomi e giovani emergenti.

Ghost covert_4

L’ideatore e fondatore di Ghost è Giorgio Racca, che ha esperienza nell’editoria, nella comunicazione pubblicitaria e nel marketing e ha voluto dedicarsi a questo progetto con l’obiettivo di far crescere una comunità di persone che ricercano la qualità e condividono le stesse passioni.

A lui si è poi affiancato Pierpaolo Pitacco, direttore creativo e responsabile dei contenuti di Ghost, che di editoria ne sa qualcosa… Direttore artistico di Rolling Stones, già responsabile della direzione artistica di L’Uomo Vogue, Donna e Mondo Uomo, poi direttore artistico di Elle Italia dal 1987 al 1999. Ha progettato Io Donna nel 1996, Cartier Art Magazine nel 2002, Vanity Fair Italia nel 2003, Elle Russia nel 2008, Grazia France nel 2010 (per citare solo alcuni suoi progetti).

Di questa nuova avventura ci spiega: “Questo è un progetto sulla fotografia d’autore, anzichè pensare alla struttura di una rivista, o di un libro, che in entrambi i casi non sarebbero stati la cosa giusta poichè vogliamo realizzare un contenuto che abbia la freschezza di una rivista di classe e i contenuti di un libro autoriale, bisognava quindi un po’ cambiare le regole. Perchè non separare le immagini dai testi? Visto che le immagini raccontano da sole una storia. E le parole, che aiutano e introducono o seguono le immagini stanno pulite per conto loro. Come se anch’esse fossero delle immagini. Nel dilagare di un editoria generalista, omologata, senza originalità e ricerca penso si possa tentare un cambiamento di rotta! Vedo che tantissimi giovani comprano riviste e giornali, lo strumento cartaceo ha un suo perchè, è fisico, ha la qualità che sul web non trovo, è rilassante e rimane. Certamente Ghost non è per tutti, si rivolge ad un pubblico amatoriale. Ma questo pubblico c’è, esiste. E noi vogliamo farlo partecipe di questo progetto. Siamo solo all’inizio, c’è molto da fare.”

Gli autori dei lavori fotografici Ghost #4 sono: Lady Tarin, Piero Gemelli, Marco Craig, Mattia Balsamini, Davide Dutto, Giorgio Racca, Marie Cecile Thijs, Maryam Majd, Mauro Maglione, Laura Panno, Carlo Piro.
Testi a cura di: Pierpaolo Pitacco, Denis Curti, Maria Vottia Baravelli, Federico Audisio di Somma.

Ghost Book #4 è disponibile on line, clicca qui per acquistarlo

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Rispondi