Pubblicato da il 28 ott 2013 in Paolo Namias | 11 commenti

I vincitori del contest Luci della notte

I vincitori del contest Luci della notte

Marco Sacco, primo premio

Michele Annunziata, premio speciale

Michele Annunziata, premio speciale

Ivano Buat, premio speciale

Ivano Buat, premio speciale

Luigi Sacchetto,  premio speciale

Luigi Sacchetto, premio speciale

06- Fontanarosa_Vincenzo_21967

Vincenzo Fontanarosa, premio speciale

Roberto Zanleone, premio speciale

Roberto Zanleone, premio speciale

Carlo Ciulli, premio speciale

Luciano Gerini , premio speciale

Luciano Gerini , premio speciale

Lorenzo Sgalippa , premio speciale

Il livello qualitativo delle immagini che abbiamo ricevuto è indubbiamente alto. Fotografare di notte non è facile, con problemi di stabilità, di rumore, di gestione dei tempi lunghi e con la difficoltà di pre-visualizzare un risultato assolutamente incerto. Eppure scegliere 10 foto per la giuria non è stato facile. Abbiamo deciso di individuare immagini che esprimessero i vari temi affrontati dagli autori; molte sono disegni di luci e tra queste abbiamo scelto il portfolio di Marco Sacco che ha saputo realizzare una interpretazione grafica molto efficace, dimostrando capacità creativa e tecnica. A lui è andato il primo premio non tanto per un singolo scatto, quanto per il portfolio nel complesso.
Un altro tema affrontato da diversi autori è stato quello della vita in città: molto interessante è l’immagine di Lorenzo Vitali, che ha ben rappresentato l’atmosfera della situazione notturna con un’inquadratura ben costruita e capace di cogliere la spontaneità della scena. In sintonia con la foto di Lorenzo Vitali è quella di Michele Annunziata, ma con un taglio completamente diverso: dal reportage si passa all’interpretazione di uno stato d’animo; e sulla stessa onda vi è l’immagine di Ivano Buat, altrettanto efficace.
Con Luigi Sacchetto si passa alla rappresentazione della città nella sua immobilità: è uno scatto perfetto tecnicamente e che grazie alle luci riesce a rendere perfettamente l’atmosfera notturna.
Dalla città al paesaggio marino: con un colpo di flash al primo piano Vincenzo Fontanarosa è riuscito a trasformare un comune panorama in un’ottima immagine. Dal bianconero al colore, per rappresentare la vita notturna di una moderna città, con i suoi grattacieli e le tangenziali piene di movimento: anche la foto di Lorenzo Sgalippa è tecnicamente ineccepi

bile.
Quella di Luciano Gerini è un’interpretazione della città di tipo differente, più vicina a quella di Ivano Buat nonostante la prevalenza delle architetture: anche se piccolissime le due figure danno significato a tutta l’immagine. E due figure sono anche quelle che caratterizzano l’immagine di Carlo Ciulli, figure che percorrono un “sentiero” avvolto da luci fredde verso un’uscita piena di luce calda.
E concludiamo con l’immagine di Roberto Zanleone: è un’elaborazione a computer di uno scatto con

il fish-eye; l’abbiamo scelta perché non è banale, interpreta in chiave grafica il tema delle luci notturne con una dimostrazione di gusto e capacità tecnica.

Gli autori più votati dal pubblico sono Daniela Illuminati, Guglielmo Pinto e Mauro Civiletto: vincono un abbonamento a TF per sei mesi.

01- Sacco_Marco_21907

Marco Sacco, primo premio

 

11 Commenti

  1. La foto di Zanleone entra nel tema della notte come i cavoli a merenda. E’ solo una forzatura che ha voluto premiare qualcuno che doveva essere premiato per qualche ragione che ignoro. In queste cose l’onestà intellettuale è cosa fondamentale.

  2. Maria Grazia, nella vita c’è sempre qualcuno che le cose le sa fare meglio di un altro. Ma forse ti sfugge che la Giuria era chiamata a valutare quel che aveva davanti, e che era una buonissima soluzione, e non quel che…avrebbe potuto fare Maria Grazia.

    • Hai ragione Salvatore, e accetto la tua critica…non si stava valutando quello che avrebbe potuto fare la sottoscritta ma quello che si aveva davanti…però credo sia lecito che ognuno possa esprimere il proprio pensiero, non sono una fotografa professionista, non
      ho fatto nessun corso e non mi piace ritoccare le foto, anche se mi è stato detto, che anche quella è un arte . e le critiche ben vengano se sono costruttive..invece le parole sono state. non hai capito, ti sfugge il senso del tema. . ho dato solo il mio parere e continuo a dire che rispetto la giuria, e Crea Filippo che peraltro ho conosciuto personalmente ma quella foto non l’avrei premiata….buona giornata a tutti e lungi da me a commentare di nuovo qualche foto.

      .buona Giornata!

  3. Prima di tutto credo che ognuno possa fare le proprie considerazioni visto che è un blog
    La foto di bresnev , è una foto che vedendola da vicino come ho fatto io ad anzio , i giovani stenti a vederli perché stanno lì da una parte, i due volti che si baciano occupano tutto lo spazio. ,io avrei fatto il contrario..cioè i giovani in primo piano e il manifesto dietro.perché il tema della mostra era l’uomo ed il manifesto e non il contrario…La foto di zanleoni invece è simile ad un quadro che sta in un albergo e Cmq ll’immagine è simile a quella impressa sui tombini di Berlino….

  4. La fotografia di Zalone, premiata, è una patacca. Mi ricorda una medagli d’oro appuntata sul petto di qualche combattente della prima guerra mondiale. Di notte non c’è niente ed il fatto che si tratta di una elaborazione post produzione aggrava la posizione della Giuria. Sfido chiunque a trovare una relazione tra quella patacca e la notte.
    Non sono d’accordo per nulla con Maria Grazia CONTI che evidentemente non ha capito, che la foto premiata ad Anzio del cosìdetto “Bacio di Breznew”, nel luglio di quest’anno, è sì la fotografia di un dipinto famoso sul muro di Berlino, ma non ha visto che, ad esso anteposto, ci sono due giovani in carne ed ossa che si baciano. Proprio per esprimere la relazione tra un manifesto ed una persona fisica. E ciò nel pieno rispetto del tema che era “L’uomo e il manifesto”

  5. Ho visto le fotografie premiate al Concorso di Anzio, al quale tu evidentemente ti riferisci. Ebbene la foto del bacio di Breznev, è una foto notissima e largamente diffusa. Però ti sfugge che l’autore ci ha messo davanti una coppia di ragazzi che si baciano, proprio per mettere in relazione il manifesto con delle persone fisiche. E allora, cosa c’è che non va? Mi pare di ricordare che il tema fosse . Quindi, tema rispettatissimo.

  6. Cara Maria Grazia, temo che tu abbia fatto una gran confusione. O sono io che non ho capito. Tu metti insieme la foto di Zanleone, con il bacio di Breznev(?) Berlino, Anzio, ecc. – Scusami ma faccio fatica a capire cosa hai inteso dire. Grazie

  7. Hotel Berlin, Berlin. Come ho visto il quadro mi sono detta cavolo è la stessa foto che ha vinto…così come concorso ad anzio sezione l’uomo e i manifesto ha vinto bacio bresnev. Foto sempre a Berlino di fronte stadio basket. non discuto la Giuria, sicuro avrà visto cose che io non vedo. Mi piace molto fotografare ma le foto
    . Sono come un quadro devono darti emozioni..e le foto in questione non hanno nessuna originalità.

  8. sono appena tornata da Berlino e forse mi sbagliero’ ma la foto premiata di Zanleoni e’ la stessa immagine ritoccata al computer di un quadro appeso in un hotel di Berlino e perdipiu’ la stessa immagine e’ presente su piu’ di qualche tombino della stessa citta’….niente di originale!

    • Per piacere, puoi essere più precisa? In quale albergo di Berlino? Grazie

    • Quando uno scatto fa parlare molto vuol dire che un buon scatto ;) Non rispondo alle critiche perchè è giusto che ci siano SEMPRE; io ad esempio ho criticato perfino McCurry! :) però quando si mette in dubbio l’autenticità di un lavoro allora no, rispondo eccome! Premettendo che scatto in raw da sempre e quindi nelle opportune sede posso tranquillamente far rivalere i miei diritti, quella foto l’ho scattata dalle alture di Genova di notte appunto. Sono distinguibili le luci del porto, della Lanterna e del Matitone. Ora se qualcuno me l’ha rubata e messa in un hotel ha dell’incredibile ma tutto è possibile in questo mondo! Buona Luce.

Rispondi