Pubblicato da il 17 giu 2019 in Francesco C., Immagini | o commenti

I vincitori del National Geographic Travel Photographer of the Year 2019

I vincitori del National Geographic Travel Photographer of the Year 2019

 

Il National Geographic annuncia il vincitore del Grand Prize 2019 del Travel Photographer of the Year che quest’anno va al fotografo Weimin Chu che vince non solo il titolo più importante ma anche il primo posto della categoria Cities.

Sul sito del National Geographic è disponibile la galleria completa delle immagini dell’anno, comprensiva di Honorable Mention e People Choice Award. Inoltre una ricca intervista al fotografo dell’anno Weimin Chu.

Qui di seguito i podi delle varie categorie.

 

Cities 1st place – and Grand Prize winner
Photo and Caption by Weimin Chu / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | GREENLANDIC WINTER

“Upernavik è un villaggio di pescatori situato su una piccola isola nella Groenlandia occidentale. Storicamente, gli edifici groenlandesi sono stati dipinti con colori diversi per indicare diverse funzioni, dalle vetrine rosse alle case dei pescatori blu: un’utile distinzione quando il paesaggio è ricoperto di neve.”

Weimin Chu

Cities 2nd Place
Photo and Caption by Jassen Todorov / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | IN THE AGE OF AVIATION

“Ci sono quattro piste all’Aeroporto Internazionale di San Francisco (SFO). Questo è una visuale all’estremità delle piste 28, sinistra e destra. Ho sempre sognato un giorno di poter fotografare dall’alto SFO, per cui mi sono deciso a chiedere un permesso di volo. Quel giorno la mattinata era davvero ventosa, con venti fino a 45 miglia all’ora, ed è stato difficile riuscire a controllare l’aereo durante gli scatti. Il volo è stato impegnativo, ma è stato anche così emozionante che non sono riuscito a dormire per diversi giorni.”

Jassen Todorov

Cities 3rd Place
Photo and Caption by Sandipani Chattopadhyay / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | STREETS OF DHAKA

“La gente prega per strada a Dhaka, in Bangladesh, durante Ijtema. Bishwa Ijtema è uno dei principali raduni religiosi islamici: viene osservato ogni anno a Dhaka e raccoglie milioni di musulmani. Tutto le strade sono chiuse durante quel periodo: le piazze dedicate alla preghiera non sono sufficienti per gestire questo enorme numero di persone e in molti quindi si fermano a pregare a Tongi, la strada principale di Dhaka.”

Sandipani Chattopadhyay

 
Nature 1st Place
Photo and Caption by Tamara Blazquez Haik / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | TENDER EYES

“Uno splendido grifone avvistato nei cieli nel Parco Nazionale di Monfragüe in Spagna. Si può notare la tenerezza negli occhi di questo esemplare, come si fa quindi a dire che gli avvoltoi portano cattivi presagi? Sono animali importantissimi per l’ambiente poiché si occupano del riciclaggio, sono animali nobili e maestosi, i re dei cieli.”

Tamara Blazquez

Nature 2nd Place
Photo and Caption by Danny Sepkowski / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | GEOMETRY OF THE SUN

“Cosa succede prima che un’onda si rompa? Il mio incarico dello scorso anno era riuscire a rispondere a questa domanda. Quel giorno decisi di fotografare il tramonto sul lato est di Oahu, nelle Hawaii, ho avuto la serata per me. I venti provenienti da ovest hanno creato delle trame dai colori tenui che si sono amalgamati bene grazie anche al mio obiettivo da 100mm. Ho dovuto inquadrare nel mirino mentre questa si stava rompendo..non è un compito facile quando un’onda sta per schiacciarti.”

Danny Sepkowski

Nature 3rd Place
Photo and Caption by Scott Portelli / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | DUSKY

“I delfini nuotano spesso in banchi nei canyon profondi del Kaikoura, in Nuova Zelanda, in cerca di cibo. Scivolano nell’oceano senza sforzo ed emergono solo per respirare. Sono veloci e spesso tengono il passo con una barca: ho quindi aspettato sulla prua il momento giusto.”

Scott Portelli

 
People 1st Place
Photo and Caption by Huaifeng Li / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | SHOWTIME

“Gli attori si preparano per uno spettacolo serale di opera nella contea di Licheng, in Cina. Ho trascorso l’intera giornata con questi attori, dal trucco al palco. Sono un fotografo freelance e la serie “Cave Life” è un mio progetto a lungo termine: nel Loess Plateau, vicino al fiume Wei, i residenti locali scavano buchi nello strato di loess per creare grotte vivibili (conosciuti come yaodong) e usarne le proprietà di conservazione del calore per sopravvivere agli inverni freddi. Questa serie registra principalmente la vita, l’intrattenimento, le convinzioni, il lavoro e altre scene di vita quotidiana delle persone che vivono nelle caverne.”

Huaifeng Li

People 2nd Place
Photo and Caption by Yoshiki Fujiwara / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | DAILY ROUTINE

“Questa foto è stata scattata nel parco pubblico di Choi Hung House a Hong Kong. Quando l’ho visitato durante il pomeriggio era esageratamente affollato: giovani che facevano foto e che giocavano a basket. Ma quando sono tornato all’alba era un posto completamente diverso, era tranquillo e c’era un’atmosfera quasi sacra. E io l’ho percepita, ho sentito la divinità quando ho visto un vecchio fare tai-chi.”

Yoshiki Fujiwara

People 3rd Place
Photo and Caption by José Antonio Zamora / National Geographic Travel Photographer of the Year Contest | HORSES

“Mi piace fotografare riti ancestrali. Ogni anno, in occasione della festa di Sant’Antonio, si festeggia in Spagna la cerimonia della purificazione degli animali chiamata Las Luminarias. Nella provincia di Avila cavalli e cavalieri saltano sopra i falò, in un rituale che è rimasto lo stesso dal XVIII secolo.”

José Antonio Zamora

0 Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. Weimin Chu è il National Geographic Travel Photographer of the Year 2019 - Scattofotografico.it - [...] La galleria con le foto di tutti i vincitori del National Geographic Travel Photographer of the Year la potete ...

Rispondi