Pubblicato da il 17 ago 2019 in Filippo Crea | o commenti

Italia vs foto/Europa

Italia vs foto/Europa

Io sento talora un’insana urgenza di sparlare della fotografia fotoamatoriale italiana per come è gestita dai formatori ufficiali (fotoclub, scuolette, mensili di categoria, ecc.).
Ho provato a capire il perché di questa mia cattiva disposizione. Ho concluso che, da italiano, avrei voluto sul podio la fotografia. Umanissimo! E, però, sfogliando riviste europee consolidate e famose, trovo che anche al di fuori del nostro Paese, la formazione non odora di buono.
Cerco spesso le immagini proposte dai lettori e trovo che certe valutazioni, certe selezioni, siano degne del rispettabile Circolo Dopolavoristico di Ronzino di Sopra.
Oggi, su una primaria rivista straniera (sembrerebbe la più diffusa in Europa) ho trovato ammesse alla pubblicazione le immagini che seguono, e tutte proposte per . Vediamole:

1) la ballerina e la bicicletta sulla Senna
2) innamorati nel metro
3) melissa nel retrovisore di una Mustang 1967

A questo punto avrei voluto avere con me molti amici italiani per chiedere loro scusa della mia nota cattiveria che, tuttavia, ha fatto felici e consapevoli centinaia di miei foto/frequentatori.

Stavolta queste fotografie non credo proprio sia il caso che io le decodifichi con un mio giudizio. Meglio di no! E, semmai, fatelo voi.

Per finire. Mi fanno tenerezza quei commentatori che, obbedendo a leggi di mercato, sono obbligati a dir bene di certi autori che dovrebbero essere frustati in piazza.
img20190817_13005599img20190817_12535812img20190817_13454506

Rispondi