Pubblicato da il 25 ott 2019 in Enzo Dal Verme | o commenti

Martin Parr a Trieste

Martin Parr a Trieste

 

Inaugura domenica 27 ottobre a Trieste la mostra Life’s a Beach di Martin Parr, uno dei più famosi documentaristi contemporanei. I suoi lavori sono esposti alla Tate Modern di Londra, al Centre Pompidou di Parigi e al MoMA di New York. Dal 1994 Parr fa parte della prestigiosa agenzia Magnum dove è entrato nonostante l’opposizione dei soci più conservatori: “Ma avevo il 66,6% di voti a mio favore!”, scherza il fotografo britannico.

Parr ha pubblicato oltre cento libri fotografici ed ha una particolare attrazione per le spiagge che fotografa da diversi decenni documentando la normalità che, una volta decontestualizzata, spesso diventa grottesca. Bagnanti spalmati di creme solari per favorire la tintarella, giochi nella sabbia, tuffi, selfie e resse ai chioschetti del cibo…
L’obiettivo del fotografo ha una predilezione per catturare la gestualità maldestra, scomposta, a volte volgare dei bagnanti. Una sorta di ricerca antropologica nei confronti di un’umanità colta nel momento in cui ha la guardia abbassata.

La carriera internazionale di Parr cominciò proprio grazie al suo libro del 1986 The Last Resort che documenta i comportamenti dei frequentatori delle spiagge di New Brighton, popolare località turistica vicino a Liverpool. Poi la sua passione per le foto balneari si estese al resto del mondo e cominciò a scattare anche in Cina, America Latina, India o Tailandia immortalando un “pulitore di orecchie” a Goa, i bikini succinti in Brasile e gli spaghetti precotti in Cina. A Trieste sono esposte 56 opere che catturano istanti di ordinaria vita da spiaggia involontariamente buffi, rituali collettivi, mode e modi, comportamenti che ci svelano qualcosa della società di quei bagnanti, spesso ignari dell’obiettivo di Parr.

In esposizione ci sono le foto degli anni Ottanta caratterizzate da un colore saturo, l’uso del grandangolo e del flash sparato, quelle della metà degli anni Novanta nelle quali il fotografo preferisce l’obiettivo macro e il ring flash e le più recenti dove viene introdotto l’utilizzo del teleobiettivo.

Life’s a Beach fa parte del festival internazionale di fotografia urbana Trieste Photo Days che dal 22 Ottobre al 10 Novembre programma numerose mostre, tavole rotonde, letture portfolio, presentazioni di libri e incontri.
Qui il programma completo.

GB. England. Kent. Margate. 1986 – © Martin Parr / Magnum Photos

GB. England. Kent. Margate. 1986 – © Martin Parr / Magnum Photos

La mostra Life’s A Beach di Martin Parr inaugura Domenica 27 Ottobre alle ore 12:00 al Civico Museo Revoltella di Trieste, in via Diaz 27.
Un’ora prima, alle 11:00, il fotografo parlerà delle foto esposte in un  incontro con il pubblico all’Auditorium del museo.

La mostra sarà visitabile fino al 6 gennaio 2020
Orari:
dal mercoledì al lunedì: 9:00-19:00
martedì chiuso
Ingresso € 7,00
Biglietteria +39 040 6754350
biglietteriarevoltella@comune.trieste.it

 

Rispondi