Pubblicato da il 30 ott 2014 in Francesco C. | 2 commenti

Passenger Shaming: quando è davvero troppo

Passenger Shaming: quando è davvero troppo

 

Alzi la mano chi non ha mai preso un volo di linea, solitamente low-cost, dove il classico gruppo di turisti in vacanza non abbia applaudito una volta sulla pista d’atterraggio. Ecco, appunto. È capitato, purtroppo, a tutti.

Ma c’è di peggio.
Il banalissimo, e quantomai fuoriluogo, applauso può però essere addirittura battuto nella classifica del “fastidio”..da cosa? Dalla maleducazione.
Se pensate che sia già abbastanza maleducato l’applauso (e i relativi cori), vi consiglio di guardare cosa succede in altre parti del mondo, dove molto spesso l’aereo è scambiato per un bagno personale, solo un po’ più affollato.

L’autrice di questi scatti è una hostess che evidentemente ha a che fare giornalmente con ogni tipo di persona, dalla migliore alla più becera. Un giorno ha evidentemente deciso di dire basta, e ha aperto un blog dal nome Passenger Shaming e una pagina Facebook dove raccoglie queste..esperienze.

A voi i commenti..

10372033_742721669096465_6096220840695589935_n

2 Commenti

  1. Spero faccia riflettere. Sarebbe auspicabile una inziativa simile anche qui da noi a Roma. Magari sugli autobus…seguita però da una bella multa!

  2. No comment…o meglio, che schifo!!!
    Credo che i cosiddetti “animali” siano molto piú civili degli autori di questi “CAPOLAVORI”….Mi piacerebbe sapere se anche a casa propria si comportano cosí…SIETE LA VERGOGNA DEL GENERE UMANO!!

Rispondi