1 Commento

  1. Buongiorno,

    l’ottica della G16 dovrebbe corrispondere ad un 28-140mm circa. Consideri che quanto maggiormente uno zoom è esteso, soprattutto se comprende focali tanto grandangolari quando tele, tanto più sarà difficile offrire una qualità uniformemente accettabile su tutta la gamma. Da questo punto di vista l’ottimo sarebbe disporre di un’ottica fissa ed in effetti alcuni modelli compatti di qualità elevata e di costo altrettanto esoso si avvantaggiano proprio di focali fisse per offrire al fotografo ciò che si pensi egli cerchi andando verso tali modelli. Ovvero una qualità fotografica senza compromessi. Le rispondo: non mi pare che questa estensione sia assolutamente scarsa. La serie G di Canon è pensata per il fotografo che ama lavorare in manuale anche su una compatta, preferibilmente scattando in formato Raw ed avendo sotto controllo tutti i parametri di ripresa come se fotografasse con una reflex. Mantenendo però gli ingombri assai contenuti. Se si riconoscesse in questa categoria di utente potrebbe tranquillamente andare con l’acquisto della G16! LE voglio però suggerire di valutare molto se sia la manualità in ingombri modesti quello che cerca, dato che il costo della G16 non è irrisorio. Per un prezzo similare potrebbe portarsi a casa una reflex (ingombri maggiori) oppure una compatta di prestazioni analoghe operante con meno manualità (minor costo), se non una bridge (costo inferiore, stesse prestazioni, ingombri maggiori). In assoluto un’ottima compatta, forse pretenziosa al giorno d’oggi, da scegliere solo se le sue priorità sono manualità e ingombri ridotti. Un saluto, Egt.

Rispondi