Pubblicato da il 14 mar 2017 in Francesco C. | o commenti

Real Appeal, amici a noleggio per selfie meno tristi

Real Appeal, amici a noleggio per selfie meno tristi

 

Cosa risaputa è che in Asia, soprattutto in Cina ma anche in Giappone, i servizi fotografici sono presi molto sul serio. Non è solo una questione di ricordi, ma anche di ostentazione del benessere: in molti, chiaramente solo i più facoltosi, spendono cifre a molti zeri per avere un servizio matrimoniale a Parigi o a Roma, senza muoversi però da casa loro. I set sono allestiti alla perfezione e in molti casi si punta a replicare fedelmente anche la cerimonia, invitati compresi.

In Giappone però se lavori sodo non puoi avere amici. E questo non per forza perché sei una brutta persona, ma proprio perché devi produrre sempre di più..per cui, chi ha il tempo di farsi amici? C’è quindi qualcosa di nuovo che infrange ogni barriera del forever alone, ovvero il servizio offerto dall’azienda giapponese Family Romance, Real Appeal, pensato per persone “sole ma facoltose”.

ra2

Volete dei bei ricordi delle vacanze estive con gli amici, ma non siete andati con gli amici? Volete mostrare ai vostri amici (ma quali? Se ne aveste sarebbero venuti di certo con voi..dai..) i regali che avete ricevuto per il compleanno (e che probabilmente vi siete fatti da soli) e fargli vedere com’è andata la festa? Fondamentalmente, siete persone sole? Real Appeal fa per voi (ma dovete essere giapponesi o riesiedere in Giappone, chiaramente).

ra3

Il servizio mette a disposizione da una a svariate persone, attori, che potrete affittare alla modica cifra di 8000 yen all’ora (circa 65 euro) ciascuno, per farli comparire nelle foto delle vostre feste, in quelle delle vostre vacanze estive e in tutte le più svariate situazioni con la garanzia di poter anche ottenere la liberatoria gratuita su un numero illimitato di immagini da postare sui social. Non solo, potrete sceglierli direttamente per genere ed età e richiedere un abbigliamento particolare.

ra4

Duole dirlo, ma è ufficialmente la cosa più triste che io abbia mai visto.

Rispondi