Pubblicato da il 13 dic 2015 in A colloquio con la redazione | 1 commento

Roccasalva

Roccasalva

Gent.ma Redazione,

Pare che con  i sensori retro-illuminati sia stata trovata (speriamo)  la pietra filosofale della fotografia . La mia domanda : volendo stabilire dei valori di riferimento, secondo voi , se un sensore normale Full Frame vale 100 , quanto vale un sensore retro-illuminato sia Full Frame che APS-C ? Grazie  per l’ attenzione e tanti auguri di buone feste.

Marco Roccasalva

 

1 Commento

  1. Ciao Marco,

    è davvero difficile rispondere alla tua domanda, i fattori da tenere in considerazione sono talmente tanti che si dovrebbe andare caso per caso e ipotizzare come quel tale sensore, con una data tecnologia, si comporterebbe nelle due condizioni.

    A grandi linee possiamo dire che il Fill Factor, overo la parte di superficie effettivamente dedicata alla “raccolta della luce” è pari a quasi il 100% nei sensori BSI mentre si ferma a valori decisamente più bassi nei sensori tradizionali, tipicamente attorno all’80% o meno. Questo dato già ci può far capire il fantaggio dei sensori retro-illuminati su quelli tradizionali.

    Volendo generalizzare, ma è un dato da prendere davvero con le pinze, per sensori di piccole dimensioni dove il passaggio dalla tecnologia tradizionale a quella BSI offre i maggiori vantaggi, possiamo valutare in mezzo stop la maggiore sensibilità dei sensori retro-illuminati.

    Può sembrare poco ma non lo è… certo il vantaggio si riduce al crescere delle dimensioni dei sensori, ma se possiamo trovare sensori BSI nelle nostre macchine senza un aggravio di costo è senza ombra di dubbio un vantaggio.

    Ciao

Rispondi