Pubblicato da il 8 ott 2018 in Francesco C., Smartphone | o commenti

Saranno gli utenti smartphone a trainare il settore fotografico

Saranno gli utenti smartphone a trainare il settore fotografico

 

E finalmente il cerchio si chiude, era fisiologico sarebbe successo prima o poi: i possessori di uno smartphone saranno il vero grande mercato per le aziende di fotografia.

Non lo dico io. O perlomeno, l’ho sempre pensato ma, ahimé, non ho l’autorità per essere considerato un visionario del settore. Lo dice uno studio americano svolto da Keypoint Intelligence: il 72% dei possessori di uno smartphone sono interessati a comprare una digitale ad ottica intercambiabile l’anno prossimo.

“This study finds opportunities among first-time buying photo enthusiasts.72% of those looking to buy a DILC in the next year currently do not own one. The pool of potential buyers will come from smartphone only owners and point & shoot camera owners. In light of recent major mirrorless camera announcements, it is very encouraging to see that about 33% of smartphone only owners, and 42% of point & shoot camera owners, are considering a mirrorless camera.”

Inoltre il 30% di tutti coloro che già hanno una macchina fotografica od un telefono prestazionale vorrebbero raggiungere livelli più alti in un prossimo futuro.

Ma a questo si è arrivati grazie ad un settore, quello mobile, a lungo disprezzato e contrastato da quello fotografico, chiaramente sbagliando: i grandi della fotografia, le aziende, hanno sempre visto lo smartphone come un concorrente che gli stava levando quote di mercato, senza invece capire che sarebbe stato la grande rampa di lancio verso una fotografia più fruibile, “popolare” ma soprattutto giovane. Anziché sfruttare i pregi di queste moderne compatte, gli hanno fatto la guerra. Una guerra che alcuni hanno fatto anche alla tecnologia mirrorless, senza comprendere sarebbe stato il futuro.

Numeri incoraggianti per tutti quindi. Non solo per chi sta basando le proprie tecnologie future sul comparto mirrorless, ma anche per il settore in generale – nel quale ovviamente ci inseriamo anche noi.

Rispondi