Pubblicato da il 11 gen 2017 in Francesco C. | o commenti

Tra i Best Sellers Amazon tornano le pellicole

Tra i Best Sellers Amazon tornano le pellicole

 

Durante il CES Kodak ha annunciato il ritorno della pellicola Ektachrome stupendo tutti, in linea con la nuova giovinezza che si starebbe prospettando all’orizzonte per la fotografia analogica. Prima di animarci in discussioni senza né capo né coda, meglio chiarire: il ritorno della passione per la pellicola non vuol dire che da domani tutti avranno una FM2 e caricheranno rullini abbandonando il digitale, vuol solo dire che sempre più, professionisti e non, stanno riscoprendo il piacere della fotografia ragionata. Che lo facciano per loro stessi o per una deriva artistica poco cambia. Durante il CES Kodak ha più volte parlato di questa rinascita; tutte le interviste si possono risentire attraverso The Kodakery, un podcast creato per l’occasione.

Durante l’intervista Steve Overman, Presidente della divisione pellicole e Direttore Marketing della Kodak Eastman, ha anche lasciato intendere che potrebbe esserci una collaborazione con l’inglese Kodak Alaris per produrre la versione fotografica di alcune pellicole cine. Si attendono quindi nuovi sviluppi in futuro.

Dando questo come punto fermo della discussione, cerchiamo un attimo di capire in base a cosa si stia cementando l’idea di un romantico ritorno della pellicola. Diamo uno sguardo non ai dati di mercato GFK però, non alla portata di tutti, bensì alle vendite su uno dei più grandi siti di ecommerce al mondo: Amazon. Prendendo a campione i Best Sellers di Amazon.it, Amazon.es, Amazon.fr, Amazon.uk e Amazon.com si può già capire da dove derivi la spinta di questa rinascita: dalle pellicole instant. Pellicola 35mm e pellicola instant non sono chiaramente la stessa cosa, ma sono strettamente connesse all’idea di Slow Photography, al rinnovato piacere di fermarsi, pensare, aspettare il momento giusto e scattare.

amazon.it

amazon.es

amazon.fr

amazon.uk

amazon.com

Fin da subito appare chiaro il dualismo: schede di memoria da una parte, pellicole dall’altra. La nuova vita delle instant è cominciata proprio con i modelli Instax presentati da Fujifilm (che ricordiamo ha una solida base data dalla produzione di pellicole in vari formati, compatibili con altre fotocamere di altre aziende): non sono certamente stati i primi dell’epoca moderna ma sicuramente hanno avuto la maggiore diffusione, anche grazie al prezzo contenuto. Ma sul mercato ad oggi c’è una gran varietà, non è mai stato così: Fujifilm, Impossible, Leica, Lomography e Polaroid solo per citare le più recenti e, possibilmente, le più fortunate. Ma stanno arrivando sul mercato anche nuove start-up che alimenteranno la situazione, tipo Mint. Senza contare che Fujifilm, Impossibible e Lomography hanno le proprie pellicole oltre alle proprie fotocamere.

Il passo dalla pellicola instant a quella classica diventa quindi brevissimo. Dopo il boom dell’analogico e la relativa amplificazione sui social, sono sempre più i giovani che, per studio o passione, ritornano agli albori della fotografia e si avvicinano alla pellicola. Al giorno d’oggi è una prova che val la pena di fare, dato che con circa 50 euro si può portare a casa una macchina funzionante e cominciare a provare..

Rispondi