Pubblicato da il 1 ott 2013 in Paolo Namias | o commenti

Una carta rarissima

Una carta rarissima

La carta Gampi, originariamente, era una carta comune utilizzata in Giappone per la calligrafia, ma oggi è sempre più difficile da trovare.
L’albero Gampi è sempre più raro, cresce sulle montagne ad un’altitudine di 700 metri e non può essere coltivato; vi sono altri due materiali usati per le carte giapponesi che derivano dagli alberi, Koze e Mitsumata, ma mentre questi ultimi possono essere coltivati, i Gampi no, e il loro numero diminuisce sempre più. Ma non solo. Per prelevare la loro corteccia occorre competenza e le persone che lo sanno fare invecchiano. Anche gli artigiani che la realizzano non sono molti. E’ però una tradizione che Takeshi Shikama ritiene importante e fa di tutto per tramandarla.
“Una volta mi è capitato di vedere un albero Gampi nella foresta: era bellissimo, sembrava brillasse.
E’ così che ho capito che la bellezza della carta è dovuta alla bellezza dell’albero.”
L’intervista e il porfolio di Takeshi Shikama è pubblicato sull’ultimo numero di Classic Camera Black&White.

http://www.fotografia.it/dettaglionewstecnica/19185/2013-10-01-il-nuovo-numero-di-classic-camera-black–white—tante-idee-e-spunti-creativi.aspx

08- newsletter 01- Garden3

Rispondi